Breaking News

Antropophagous di Joe D'Amato

Non catalogabile in un genere preciso, Antropophagous è un film violento, onirico, angosciante e folle come il suo protagonista, che ancora oggi riesce a catturare per la situazione narrata e a disturbare per un paio di scene cult estreme censurate in parecchi paesi. La trama è semplice. Un gruppo di persone (tra le quali Tisa Farrow, già vista in Zombi 2, e Serena Grandi) raggiunge un'isola greca su una barca privata. Il posto sembra completamente disabitato, le uniche persone che vi abitano sono una ragazzina francese cieca e terrorizzata (una giovane Margaret Mazzantini) e una donna che prima evita la presenza dei turisti e poi viene da loro ritrovata impiccata. Questi pochi abitanti sono gli unici sopravvissuti a un pazzo cannibale che si aggira ancora da quelle parti.

Il mostro assassino (George Eastman, alias Luigi Montefiori, un personaggio/artista di cui dovremmo parlare più spesso), dalla faccia butterata, iniziarà ad uccidere uno ad uno il gruppo di ragazzi. Per loro sopravvivere sarà molto dura.

Al posto dei lontani luoghi selvaggi-esotici, dove si era soliti ambientare i vari cannibal movie, e Antropophagous in qualche modo a quel genere appartiene, Joe D'Amato decide di cambiare tutto e di avvicinare la narrazione in Europa, tra le strade bianche e strette tipiche dell'arcipelago egeo (anche se parecchie scene furono girate a Sperlonga in provincia di Latina). Invece della tribù che reagisce malamente all'invasione bianca, D'Amato/Massaccesi ci narra la storia, molto più malata, di un uomo che impazzisce dopo essersi cibato per necessità della sua famiglia. Efficaci le scenografie di Ennio Michettoni e gli effetti speciali di Pietro Tenoglio (La casa 3) realizzati per lo più camuffando il vero con il falso. Pellicola lowbudget (prodotto da Oscar Santaniello per la mitica Filmirage di Massaccesi) scioccante e disturbante, banale secondo il suo protagonista e cosceneggiatore Montefiori, non adatta per chi è di bocca buona, tutto sommato invecchiata bene. A suo modo ha fatto scuola.

L'anno dopo sempre Eastman e D'Amato girano Rosso sangue, falso seguito di Antropophagous.

Nessun commento