Breaking News

L'uomo lupo di George Waggner


Dopo Dracula, la mummia, Frankenstein e il suo mostro e l'uomo invisibile, la Universal ci riprova con L'uomo lupo. E per la prima volta commette qualche passo falso. Qui per la prima volta in maniera sfacciata impone le sua linea a discapito dell'idea originaria di Curt Siodmak che resta così penalizzata. Per la prima volta senza trarre ispirazione diretta da un romanzo, dopo Stoker, Shelley e Wells Siodmak decide di attingere dalle tradizioni popolari per parlare di sdoppiamenti della personalità (uo po' come in Jekyll e Hyde) forse causati dall'influenza della superstizione. L'idea però non piace alla casa di produzione, rifiutavano quell'ambiguità portata avanti fino alla fine nella sceneggiatura di Siodmak che non faceva capire se ad uccidere sia stato o no Talbot magari perché trasformato in lupo, volevano una reale trasformazione, che tutto fosse mostrato e non suggerito. Jack Pierce ha così l'occasione di cimentarsi con una nuova creatura truccando questa volta Lon Chaney Junior che con il personaggio di Talbot farà la usa fortuna. Probabilmente il suo trucco peggiore, quello oggi più risibile, eppure anche questo ha fatto scuola. Ma, come dicevamo, qualcosa non torna indietro. Al di là del fatto che George Waggner non è James Whale, vengono riproposti tutti i tratti stilistici Universal senza aggiungere niente di eclatante, senza osare scene scandalose come quella di Karloff che affoga la bambina, puntando quasi tutto sulla storia d'amore tra Talbot e Gwen Conliffe (Evelyn Ankers). Ecco allora immancabili le scene con la nebbia e quella al cimitero ma della luna piena niente. Dev'essere uno di quegli indizi lasciati da Siodmak e dimenticati per errore da coloro che la sceneggiatura cambiarono.
EXTRA!!!

8 commenti

Anonimo ha detto...

Dio, l'ho visto (e poi ho visto pure Dracula contro l'uomolupo) e mi sono annoiata a morte. Il cinema di paura di quegli anni è proprio scialbo...
A me non piace nemmeno il Frankestain ed anche quando provo a contestualizzarlo, mi chiedo come facessero non dico a terrorizzarsi, ma a trovarlo minimamente interessante...

alice

Anonimo ha detto...

THEM!
Diavolo...Dracula contro l'uomo lupo me lo devo essere perso...

Roberto Fusco Junior ha detto...

Alice, Frankenstein ha cosolidato le basi del genere. Prima o poi ne parlerò.
THEM!, Dracula contro l'uomo lupo è un film di quel folle di Jesus Franco e non l'ho visto.

Anonimo ha detto...

THEM!
....era una battuta...

Roberto Fusco Junior ha detto...

Sono un cretino!

Anonimo ha detto...

THEM!
scherzi a parte,hai ricevuto le immagini?
La posta lì funziona ora?

Anonimo ha detto...

THEM!
PS
come sta la casa;quella degli orrori?
Ciao

Roberto Fusco Junior ha detto...

Sì ho ricevuto le locandine, solo che ancora non riesco a tagliarle. Purtroppo ancora non ritrovo il programma di fotografia. La casa degli orrori l'ho rivista la settimana scorsa. Un silenzio, poi il fatto di vederla spoglia dei mobili... ma risorgeremo.