Breaking News

Tenacious D e il destino del rock di Liam Lynch

I Tenacious D è stata una rock band demente formata da Jack Black e Kyle Gass negli anni ’90 che ha partecipato al Saturday night live. Nel 1999 è divenuta protagonista di una serie tv molto seguita all’estero e di un video-documentario con molta fiction (2003) diretto tra gli altri da Spike Jonze.
Due anni fa Black e Glass decidono di riprendere e spolverare la band reinventando la sua storia in maniera romanzata.
JB (Jack Black) e KG (Kyle Gass) sono due sfigati che il destino doveva far incontrare, non poteva andare diversamente. Il primo scappa di casa e si reca a Hollywood perché i suoi genitori sono i classici religiosi convinti che il rock and roll sia opera di satana. Il secondo, un po’ in là con gli anni e con un trauma infantile, vive nel distretto di Los Angeles da quindici anni a spese dei genitori che puntualmente gli spediscono l’assegno mensile per pagarsi l’affitto. Quando i due sfigati decidono di unire gli sforzi capiscono che l’unica cosa (sensata?) da fare è di rubare dal Museo del Rock un plettro magico, ottenuto secoli prima da un dente di satana, che è passato tra le mani di musicisti famosi come Robert Johnson e Angus Young.

Pellicola, lo si capisce subito, cazzona, cazzara, e dove i riferimenti al cazzo e alla fica sono sempre diretti e mai velati, come rock comanda. Personaggi di contorno affidati a star come Ben Stiller e Tim Robbins, Ronnie James Dio che interpreta se stesso, David Grohl nel ruolo di Satana, citazioni disparate che vanno da Arancia Meccanica di Stanley Kubrick ai videogiochi come Frogger, canzoni molto sboccate o senza senso, situazioni a volte telefonate a volte decisamente più originali. Il riferimento a Il signore degli anelli, lì un anello e qui un plettro che tutti vorrebbero, è fin troppo evidente. Certo, l’idea di due panzoni che vogliono fare i rocker è divertente; divertente è anche, ad esempio, la scena iniziale con JB bambino (Troy Gentile, già visto in Super Nacho ancora una volta nel ruolo di Jack Black bambino, e in Bad news bears di Richard Linklater dove era Mattew Hooper il bambino sulla sedia a rotelle) che scandalizza i genitori con una canzone sconcissima.
Tenacious D e il destino del rock (Tenacious D in the pick of destiny) non è un capolavoro di commedia musicale ma si lascia guardare ugualmente per come si muove con una certa divertita insolenza nei territori/temi chiave del rock come il sesso, la droga, la vita senza regole e via dicendo. E poi c’è un indovinato doppio finale perfettamente in linea con lo spirito scanzonato. A dirigere Liam Lynch già regista di qualche episodio della loro serie tv, qui al suo esordio sul grande schermo.

Fotografia – Robert Brinkmann
Scenografie – Martin Whist, Maria L. Baker
Arredatore – Don Diers
Montaggio – David Rennie
Musiche originali – Andrew Gross, John King
Effetti speciali - Eric Allard, Michael Kay
Effetti visivi - Brent M. Bowen, David D. Johnson, Andrea Yomtob

12 commenti

Zonekiller ha detto...

il diavolo nel film è straordinario...chi lo interpreta? Meglio comunque "School of Rock"...a proposito: tornano in tournee gli AC/DC!!!

Roberto Fusco Junior ha detto...

Lo interpreta David Grohl leader dei Foo Fighters. Avevo la sensazione di aver dimenticato qualcosa di importante nel post...

Alicesu ha detto...

Lo guarderò, anche perché Jack Black mi sta molto simpatico...

Roberto Fusco Junior ha detto...

Jack Black è un grande, devo vedere tutti i film che ha girato, non mi deludono mai. Il ragazzino che lo interpreta da giovane (Troy Gentile), all'inizio del film, è impressionante per quanto è uguale a lui da grande e poi fa delle smorfie da rocker veramente divertenti.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Aspetta aspetta ho detto una enorme cazzata. Ma dove ho la testa? L'amore non va in vacanza è una stronzata pazzesca.

Luciano ha detto...

Il film mi incuriosisce. Non so se potrò vederlo entro breve tempo, ma me lo segno ugualmente.

Mario Scafidi ha detto...

odio jack black. lo eliminerei dallo star system, lo cancellerei dagli elenchi di registi e produttori, e se non bastasse farei in modo che gli si fulminasse la scheda sim, in modo che neppure per errore potrebbero rintracciarlo. gli dareiu un dignitoso posto di lavoro e lo terrei lontano dalle telecamere. così sopporterei meglio l'idea di un mondo condiviso con la sua persona...

t3nshi ha detto...

Che coincidenza! Ho recuperato questo film proprio un paio di sere fa. DIvertimento allo stato puro, poi se uno è amante di quel genere di musica non può non innamorarsi dei Tenacious:)
I primi 5 minuti sono un vero e proprio capolavoro (ho guardato la scena 2/3 volte prima di andare avanti, e dall'altro giorno avrò visto 100 volte la versione karaoke su youtube :P), purtroppo il film non si mantiene allo stesso livello, ma rimane comunque godibilissimo.

Ciao,
Lore

Roberto Fusco Junior ha detto...

Luciano, Segnatelo ma dagli una priorità medio-bassa.
Mario, mamma mia quanto lo odi, ma che t’ha fatto?
Lorenzo, la vediamo allo stesso modo, il film ha alti e bassi, ma quell’inizio è veramente da urlo.

Mr. Hamlin ha detto...

Mmm... ti capita mai di "rifiutare" un film interpretato da qualche attore che normalmente apprezzi moltissimo?
Ecco, a me è capitato con questo film!
Nonostante ritenga Jack Black uno dei migliori talenti comici della sua generazione (mi ricorda davvero molto un Belushi ancora più schizzato), questo film proprio non m'ha ispirato.

In compenso, per restare in ambito musicale, l'ho trovato esilerante in School of rock

Alberto Di Felice ha detto...

Incredibile ma non l'ho ancora visto. Dico "incredibile" perché oltre ad essere gran fan di Jack Black, no solo sentito parlar bene-- Rimedio subito, oggi ho voglia di distendermi un po'.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Mr Hamlin, mi capita spesso sia con attori che con attrici. Mi vengono in mente su due piedi: Emma Thompson, Peter Stormare, Valerio Mastandrea (ne Il giorno perfetto eviterò di andarlo a vedere). Hai voglia!
Alberto, vedilo che due risate te le fa fare.