Breaking News

Sid and Nancy di Alex Cox

La vita dei Sex Pistols è durata poco, davvero troppo poco, come tutto il movimento punk. Sid Vicious era l'elemento pazzo all'interno di un gruppo musicale pazzo, dissacratorio, anarchico, contro corrente, ma anche fondamentalmente scarso dal punto di vista musicale. Vicious non sapeva suonare il basso, era sempre troppo fatto di eroina per poter imparare ad usarlo. Si dice che spesso durante i concerti veniva "doppiato"da un bassista (adesso non ricordo il nome, nel film non se ne parla) che rimaneva dietro le quinte. Verosimile come cosa, fa parte della leggenda sul suo conto. Vicious un giorno incontra un' americana strafatta peggio di lui, e scoppia il grande amore. Si sposano mentre il gruppo si scioglie. Precipiteranno sempre di più in un pozzo senza fondo, senza possibilità di risalita. Vicious morirà qualche anno dopo di overdose e vaffanculo.
Sid e Nancy riesce a raccontare quel grande periodo che è stato il punk inglese (e quale altro punk esiste?) in maniera lucida e romantica allo stesso tempo. In alcuni momenti sembra di assistere quasi a un documentario molto freddo, poi, improvvisi, arrivano momenti coinvolgenti nei quali quel periodo viene guardato con rispetto e nostalgia. Più che la storia di un gruppo, come si capisce anche dal titolo, è la storia di una coppia (certamente famosa all'epoca negli UK) in un contesto che racchiude un gruppo musicale in un particolare periodo storico. L'amore ai tempi del punk doveva essere estremo, la vita doveva esserlo, ogni azione, ogni sentimento, ogni modo di fare e quindi di essere, bisognava sfasciare tutto, a partire da sé stessi. Vicious è l'artista a cui spettava quel ruolo. Altri si sono tirati indietro ritrovando la retta via.
Il film nel finale vuole rendere giustizia alla coppia Sid e Nancy estrapolandola dal contesto storico-musicale che li ha resi celebri, ma che li ha anche rovinati, regalando loro un destino diverso. Uno dei finali (sul genere di Ed Wood) più belli che ho visto di recente.

Sid Vicious - Gary Oldman
Nancy Spungen - Chloe Webb
Prodotto - Eric Fellner
Sceneggiatura - Alex Cox, Abbe Wool
Fotografia e operatore - Roger Deakins
Scenografie - Linda Burbank, J. Rae Fox, Andrew McAlpine, Marcie Dale
Costumi - Catherine Cook
Acconciature - Aaron Glynn
Montaggio - David Martin
Musiche - Joe Strummer, The Pogues, Cure for Rain

2 commenti

Alberto Di Felice ha detto...

Non so se è la versione che hai visto tu, ma ricordo che su Studio Universal quando l'ho visto io era tagliato di una ventina di minuti, se non rammento male. Comunque concordo, un bel film; a quanto so, anche l'unico degno di esser recuperato di questo Alex Cox, del quale non ho visto altro.

Luciano ha detto...

Questo film mi interessa molto. Anche se conosco la pellicola non ho mai avuto occasione (e probabilmente voglia) di vederlo. Sicuramente perderlo è stato un errore.