Breaking News

Eternal sunshine of the spotless mind (Se mi lasci ti cancello) di Michel Gondry

Pensieri scritti di getto su Eternal sunshine of the spotless mind.

Qual è il senso di un film complesso come Se mi lasci ti cancello (Eternal sunshine of the spotless mind, ogni commento è inutile) di Michel Gondry? Il dottor Howard Mierzwiak (Tom Wilkinson) ha inventato una macchina in grado di cancellare un ricordo spiacevole, un trauma. Solo che la scienza, come anche l’horror e la fantascienza ci ricordano, spesso dimentica qualche fattore. Ad esempio, se il ricordo da cancellare è legato ad una persona morta non c’è pericolo di rincontrare quella persona, ma se si vuole cancellare un amore finito allora quella persona può tornare nella nostra vita quando meno te lo aspetti. È quello che succede a Joel (Jim Carrey) e Clementine (Kate Winslet). Lui è silenzioso e grigio, lei e chiacchierona e colorata, i classici opposti che si attraggono, che vedono la vita in fin dei conti allo stesso modo anche se la affrontano in maniera diversa. Si conoscono ad una festa in riva al mare dove tutti si divertono tranne loro due. Nonostante le diversità si piacciono, iniziano una relazione che termina con una brusca separazione. Lei, impulsiva, si fa cancellare lui dalla memoria, lui subito dopo fa lo stesso quasi per ripicca. Eppure questa doppia cancellazione non serve a niente, perché il destino, l’imperfezione della scienza che contro le regole complicate dell’attrazione non può far nulla, è sempre dietro l’angolo pronto a ricordarci che su certe cose non si può fare nulla, accadono perché devono accadere. Joel e Clementine sono fatti l’uno per l’altra. È la classica coppia che tra alti e bassi, lasciate e riprese, va avanti per tutta la vita. Non puoi farci niente se una persona è attratta da un’altra. È la chimica che parla. È lo stesso principio che fa sì che i fulmini siano attratti dagli alberi o dagli oggetti di metallo. Che fa rubare cose luccicanti alla gazza ladra, che condanna lo scorpione, per aver pizzicato la rana che lo stava trasportando dall’altra parte del lago, a morte certa.
Mary (Kirsten Dunst), la giovane segretaria di Mirzwiak, ce ne dà la conferma.
Eternal sunshine of the spotless mind è un (meraviglioso, poetico, divertente, fantastico) film sulla presa di coscienza dell’inevitabile.
!!!EXTRA!!!
Piccolo quiz legato al film: chi mi dice per primo il cognome del personaggio interpretato da Kirsten Dunst vince i miei più sentiti complimenti.

Patrick – Elijah Wood
Stan – Mark Ruffalo

Soggetto – Charlie Kaufman, Michel Gondry, Pierre Bismuth
Sceneggiatura – Charlie Kaufman
Fotografia – Ellen Kuras
Scenografie – Dan Leigh, David Stein
Costumi – Melissa Toth
Montaggio – Valdis Óskarsdóttir
Musiche – Jon Brion

16 commenti

Weltall ha detto...

Credo che la sceneggiatura di Kaufman e la regia di Gondry raggiungano qui un' alchimia perfetta!!!
Io lo considero un capolavoro! Forse esagero ma non saprei come definire diversamente un film che migliora ad ogni visione ^__^

Roberto Fusco Junior ha detto...

Siamo decisamente da quelle parti lì.

Alberto Di Felice ha detto...

Io non lo considero un capolavoro, e la prima volta che l'ho visto mi ha anche innervosito, a dire il vero. Ma è un film abbastanza stupendo.

Mario Scafidi ha detto...

...ho provato a barare cercando il cognome della dunst nel film su wikipedia...ma non lo dice! ;)

comunque, il film è bellissimo e quel titolo italiano ignobile è inversamente proporzionale al suo valore.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Alberto, film molto molto bello, quasi un capolavoro, quasi.
Mario, non trovi la soluzione su internet (magari c'è, io non lo so, ma vai a sapere dove), troppo facile! Per avere la soluzione basta guardare la pellicola. Il titolo nostrano è quello che è: una sciocchezza come poche.

Luciano ha detto...

Un film di ottima qualità. E purtroppo non ricordo il cognome di Mary.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Decisamente di ottima qualità. Eh eh! La soluzione al quiz è un po' difficile!

Ale55andra ha detto...

Un film davvero molto emozionante, nel senso più pulito del termine. Interpretazioni a mio avviso magistrali, senza tener conto della fantastica sceneggiatura e del fenomenale montaggio.

chimy ha detto...

Meraviglioso davvero. Il miglior Gondry a mio parere

Roberto Fusco Junior ha detto...

Ale55andra, davvero emozionante e senza difetti, sceneggiatura, montaggio e attori praticamente perfetti. Come tutto il resto.
Chimy, anche secondo me è il suo miglior lavoro.

AmosGitai ha detto...

Siamo in vena di quiz???
:)

SONDAGGIO: QUALE FILM ITALIANO AGLI OSCAR 2009?

Alicesu ha detto...

Quando l'ho visto sono rimasta a bocca aperta. Secondo me uno dei più bei film degli ultimi dieci anni, senza cazzi.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Amos, quiz e sondaggi sono un po' la mania di noi blogger. Alla fine di questa settimana darò la soluzione al mio.
Alice, un film decisamente bello, bello, bello. Senza se e senza ma. O sensa cazzi.

gegio ha detto...

Il destino...Forse doveva far incontrare Kaufman e Gondry, e non riesco a ricordare come mai ho acquistato d'istinto il doppio dvd originale, senza mai averlo visto per giunta!
Fra un pò lo rivedrò, sapendo però di essere difronte a un capolavoro di bravura di tutti, soprattutto di Jim Carrey.
Ho trovato questo post tramite Google blog. Il film in questione è nella mia Top 100, e da lì sono partito per trovare partecipanti al Torneo dei film. Basta una playlist dei 10 film che ritieni i migliori di sempre. A dicembre si parte da un tabellone, a scontro diretto. La pagina del mio blog dedicata al Torneo è qui: http://gegio.wordpress.com/il-torneo-dei-film/ Se vuoi invece solo lasciare la tua playlist quo c’è il form: http://spreadsheets.google.com/embeddedform?key=p8mk30RmJiA3OFsJjj_9HTQ

Anonimo ha detto...

svevo

Roberto Fusco Junior ha detto...

Esatto, anche se a dir la verità la risposta l'avevamo già data tempo fa... Complimenti!