Breaking News

Killer klowns from outer space di Stephen Chiodo

Debbie e Mike amoreggiano in automobile quando vedono una stella cadente finire dietro una collina poco distante e decidono di raggiungere il posto. Lì vicino vive un vecchio contadino con il suo cane. Anch’egli ha visto la stella cadente ed è felice che sia caduta sulla sua proprietà perché pensa che verrà la tv, quindi persone, quindi soldi, una vera fortuna pensa il vecchio. Quando giunge sul posto trova quella che sembra una tenda da circo. Per lui e il suo cane, chiaramente, si mette male in pochi secondi, a Debbie e Mike che arrivano poco dopo spetta il compito di vedere e capire quanto è sufficiente (cioè che quella non è una tenda da circo e che chi vi “abita” sono pagliacci alieni e assassini), raccontare tutto alla polizia ma non essere creduti, almeno inizialmente come tradizione vuole, e infine salvare la razza umana dalla sua grottesca estinzione insieme al non più scettico poliziotto Dave (ex fidanzato di Debbie), che scopre il loro punto debole, e ai fratelli gelatai un po’ scemi Paul e Rich.

Tra i film sulle invasioni spaziali questo Killer klowns from outer space è un piccolo, misconosciuto, gioiello ricco di trovate genialoidi. L’assurdo e il grottesco qui la fanno da padrone. I klowns spaziali, in quanto spaziali hanno con loro la classica pistola che spara raggi laser essendo però klowns il risultato che produce quest’arma è diverso dal solito e infatti avvolge la vittima in un involucro di zucchero filato. Essendo pagliacci sparano all’occasione anche pop corn che in realtà sono uova di serpenti con la testa da klowns. Per ritrovare una vittima che gli è sfuggita, essendo klowns, utilizzano un cane fatto di palloncini gonfiabili. In quanto klowns, anche se bruttini soprattutto per via dei loro affilati e marci denti, riescono ad adescare parecchie vittime con l’inganno di qualche spettacolo che può essere di burattini come di ombre cinesi. Le loro armi sono gli attrezzi del mestiere del pagliaccio, i suoi cavalli di battaglia, come il classico numero delle torte in faccia. Tutte adulte comunque le loro vittime, i bambini o si salvano all’ultimo secondo o proprio non ci cascano né si vedono in giro. Caso mai c’è da segnalare la presenza di un alieno bambino ma cattivo.
Realizzato dai Chiodo Bros, responsabili degli effetti speciali del film Critters (1986), Killer klowns from outer space, diretto da Stephen Chiodo, è un film folle che merita una visione, che si accosta con irriverenza ad un tema classico della fantascienza per stravolgerne, divertendosi, i canoni. Almeno due le citazioni esplicite, a cominciare dal vecchietto che apre il film che non può non ricordate il personaggio analogo che apre il film The blob (1958). Poi c’è una citazione a L’invasione degli ultracorpi (1956) quando durante una parata dei pagliacci alieni uno di essi sistema dei bozzoli di zucchero filato dietro un mezzo di trasporto chiaramente anch’esso alieno.
Le scenografie aliene poi rimarcano ancora sul ribaltamento dei cliché. Le loro strumentazioni, come tutti i loro oggetti, infatti assomigliano a dei giocattoli per bambini con le loro leve di plastica e colori vivaci.
Insomma, Killer klowns from outer space è da vedere per ridere tra situazioni assurde e morti esagerate e cartoonesche.
Debbie Stone - Suzanne Snyder
Mike Tobacco - Grant Cramer
Dave Hanson - John Allen Nelson
Curtis Mooney - John Vernon
Paul Terenzi - Peter Licassi
Rich Terenzi - Michael Siegel
Il klown gigante – Charles Chiodo

Sceneggiatura – Charles Chiodo, Edward Chiodo, Stephen Chiodo
Musiche – John Massari



Canzone Killer klowns from outer space scritta ed eseguita dai Dickies
Fotografia – Alfred Taylor
Montaggio – Christopher Roth
Scenografie – Charles Chiodo, Philip Dean Foreman
Costumi – Darcie Olson
Supervisore agli effetti speciali – Gene Warren Jr (Oscar nel 1992 per gli effetti speciali visivi di Terminator 2)
Supervisore effetti visivi – Leslie Huntley (Fantasy II Effects)

7 commenti

Luciano ha detto...

Vidi questo film qualche anno fa in tv. In effetti è un curioso film folle. Alieni clown assetati di sangue. Veramente orrido, ma anche stranamente divertente (non so perché). Da vedere.

Roberto Fusco Junior ha detto...

Luciano, anch'io lo trovo divertente ma in maniera strana. Forse perché quello che mi diverte sono le trovate pazzoidi che ribaltano vari cliché.

t3nshi ha detto...

Splendido! Non conoscevo questo film, ma penso proprio che possa piacermi molto (adoro gli horror pazzoidi e folli). Spero di riuscire a recuperarlo in qualche modo.

Ciao,
Lorenzo

Roberto Fusco Junior ha detto...

Recuperalo e fammi sapere. Ti dico subito che il DVD italiano non esiste. Tocca quindi sperare in qualche passaggio televisivo notturno o in qualche anfratto della rete.

filippo ha detto...

io te lo dico:
ormai quando vengo sul tuo blog mi tocca prendere appunti.
Mi stai facendo scoprire film di cui ignoravo totalmente l'esistenza.
Attendo nuove incursioni nel mondo fanta-horror-trash!;)

Roberto Fusco Junior ha detto...

Filippo, questo TU lo DEVI recuperare! Morirai dalle risate. Un film folle, genile, unico!
Aspetta un po' e arriveranno altre recensioni di film "strani".

Ilaria Tatò ha detto...

E' un film che tocca il limite della follia!