Breaking News

Silent Hill di Christophe Gans

La piccola Sharon (Jodelle Ferland) soffre di sonnambulismo, e in quello stato ripete la parola "Silent hill". Sua madre Rose (Radha Mitchell) decide di raggiungere il posto che si trova nel West Virginia insieme alla figlioletta. Il posto è nebbioso, deserto, la figlia sparisce e una poliziotta (Laurie Holden) si mette sulle loro tracce per una infrazione grave. Anche Chris (Sean Bean) il marito di Rose si mette sulle loro tracce aiutato da un poliziotto (Kim Coates). Si scopre che nel 1974 un incendio distrusse la città. Ogni volta che una sirena suona, in una certa zona della città i muri iniziano a cascare, tutto marcisce, il cielo si fa scuro ed escono i mostri. Rose farà di tutto per ritrovare la figlia. Incontrerà qualcuno, si renderà conto che il posto in realtà non è disabitato, un po' come nel libro di Richard Matheson Io sono leggenda non a caso citato nel film nella parte finale. Ispirato al videogioco omonimo da cui riprende alcuni suoni come quelli delle interferenze radio, le scenografie davvero belle (165 set e locations diverse), i mostri, e la musica. Diretto da Christophe Gans (Il patto dei lupi), scritto niente di meno che dal premio oscar (per la sceneggiatura di Pulp Fiction) Roger Avary. Eppure il problema del film Silent Hill sta proprio nella sceneggiatura che spiega quando deve spiegare ma che lascia molto spazio ai dubbi. Avviene quasi tutto nell'oscurità dove, dice la fanatica religiosa Christabella (Alice Krige), il demonio è in attesa. Ed è in questa oscurità che si sono volute nascondere insieme al demonio anche molte scene scritte con lo stampino.
Dal regista di film come Killing Zoe e Le regole dell'attrazione mi aspettavo di più, una maggiore cura dei dettagli. Quei dettagli di cui è infarcito il film di Tarantino e che scervellano me e qualcun'altro sono idee sue e non di Quentin ne sono certo. Come se non bastasse il film non fa saltare dalla sedia né tremare, neanche una volta, vabbè che sono allenato, ma proprio niente.

Non mi resta che dare un po' di curiosità prese dal mitico imdb:

-Il ruolo di Cybil, interpretato da Laurie Holden, nelle intenzioni del regista Christophe Gans doveva essere di Cameron Diaz.

-Molte delle creature del film sono interpretate dal ballerino e coreografo Roberto Campanella.

-Inizialmente nella sceneggiatura c'erano solo personaggi femminili. La durata prevista era di 3 ore e ½ -Il suono del cellulare di Rose appartiene al gioco "Metal Gear Solid" che come "Silent hill" è della casa giapponese della "Konami"

-Roger Avary si è ispirato alla città Centralia in Pennsylvania

4 commenti

filippo ha detto...

Anch'io non sono rimasto soddisfatto...mi ha spaventato più il videogioco...

Luciano ha detto...

Questo film non ho mai potuto (o forse voluto?) vederlo. Per il semplice fatto che mi inquieta solo l'immagine della ragazza (mi ricorda La scala a chiocciola di Siodmak).

Roberto Fusco Junior ha detto...

Filippo, il videogioco è spaventoso, specialmente il secondo, il film non è niente di che, hai ragione, neanche uno spavento, solo, a voler essere onesti, un momento di tensione. Ma per un film dell'orrore è decisamente poco.
Luciano, guardati un altro film che questo non vale proprio la pena, magari ricordasse La scala a chiocciola...
Un grazie sentito a tutti

Mr. Hamlin ha detto...

Davvero un'occasione sprecata. Concordo.