Breaking News

Fantasmi di Don Coscarelli

Mike è un ragazzino solitario di Perigord che vede il becchino del cimitero fare cose sinistre come alzare una bara da solo e senza sforzo. Inizia ad indagare e scopre cose sempre più macabre, convincendo il fratello più grande Jody ad intervenire insieme all’amico Reggie. Tra le pellicole horror degli anni '70, dei gloriosi anni '70, questo di cui parliamo è tra i più originali. Dotato di una sfrontatezza e di un coraggio che gli fa onore, prova a rielaborare la paura della morte in una chiave horror-fantascientifica affascinante e pessimista, a tratti persino visionaria. Girato con pochi soldi, altra cosa che gli fa onore, Fantasmi (1979) è una matrioska di incubi. Raramente la tensione si abbassa perché il terrore è sempre più avvolgente: all'inizio Mike (Michael Baldwin) indaga da solo e da solo affronta i primi pericoli e le prime manifestazioni paranormali, con l'aggravarsi di questi, con il loro espandersi in territori altrimenti sicuri come quello del sogno, o come quello di una strada pubblica (sulla scena del becchino che si ferma davanti al fumo ghiacciato del furgone dei gelati di Reggie ci sarebbero da dire molte cose), fa intervenire il fratello e l'amico ma la cosa non fa che peggiorare le cose, come da pronostico, non fa che allargare ancora di più l'orrore, fino a farlo entrare in casa. Quello che accade al cimitero di Perigord è assurdo. Il becchino (al centro di tutto insieme a Mike) lì ha creato il suo quartier generale del male. Lì nasconde il suo esercito, i suoi schiavi e le sue armi aliene. Il personaggio del becchino, The Tall man (l'uomo alto), è interpretato da Angus Scrimm, presenza quasi fissa da qui in poi nelle pellicole di Don Coscarelli (peccato per l’assenza in Bubba Ho-tep). Nei ruoli degli scettici Jody e Reggie ci sono Bill Thornbury e Reggie Bannister (amico del regista e altra presenza quasi fissa nei suoi film). Fantasmi avrà anche difetti di sceneggiatura, sarà anche risibile in certe parti, ma va fino in fondo nel difendere la propria idea di terrore, che cioè la morte potrebbe avere anche un altro aspetto. Film di culto in mezzo mondo (esistono delle action figures veramente belle), ha avuto anche tre seguiti tutti diretti da Coscarelli. Averlo visto da ragazzino mi ha aiutato ad amarlo ancora di più.

6 commenti

Mr. Hamlin ha detto...

Questo film mi giunge del tutto nuovo. Non l'ho mai sentito nominare, ma mi incuriosisce molto. Che tu sappia è reperibile in dvd o mi devo affidare alla rete?

Roberto ha detto...

Mr. hamlin, i primi due capitoli della saga Fantasmi sono editi in DVD dalla Stormovie. Tempo fa ho anche intravisto nelle edicole il secondo film.
Il terzo capitolo lo trovi in divx su emule in lingua italiana, il quarto capitolo lo trovi ogni tanto sempre su emule ma in lingua originale e senza sottotitoli.

Anonimo ha detto...

Un piccolo film horror divenuto poi un cult del genere!

houselover ha detto...

Accidenti quanto mi associo! Film breve ma non ti accorgi,visto un paio di volte da ragazzino e per tanti anni non avevo memoria del titolo. Poi un giorno sono riuscito a reperirlo e niente... "l'effetto" è stato un pochino differente rispetto al passato, resta però uno dei miei film preferiti sul genere, riesce ancora a coinvolgermi in pieno senza tuttavia sfociare nello splatter più truculento, tipico dei film recenti ma anche (e soprattutto) di quel periodo... Un cult!!

Roberto Fusco Junior ha detto...

tu che non hai firmato, un cult da vedere se si ama il genere
houselover, anche a distanza di anni mi ha fatto un bell'effetto

Obsidian M ha detto...

Averlo visto da ragazzino ha aiutato molto ad elevare questo Phantasm a livello di cult assoluto. Anyway, ti interesserà forse sapere che ho prelevato alcuni stralci del tuo articolo per un mio post recente (qui)